acquaesapone Italia Solidale
Interviste Esclusive Viaggi Editoriale Inchieste Io Giornalista TV/Cinema A&S SPORT Zona Stabile Rubriche Libri Speciale Cannes

Verità, non sacrifici

Risolvendo nell’inconscio, aiutiamo le persone a vivere e far vivere

Mar 01 Nov 2011 | di Padre Angelo Benolli | Italia Solidale

Io ero solo un giovane, preside di una scuola di 1.500 alunni, sostenevo 160.000 baraccati, ma ero arrabbiato perché continuavo a sentirmi come una goccia nell'oceano. Tutti si trovavano bene con me. Io vedevo la miriade dei problemi di tutti, ma non riuscivo a risolverli. Anzi ero talmente impegnato che, poco a poco, non riuscivo neanche più a dormire. Ero uno stupido idealista. Il Signore mi faceva soffrire per capire, avevo continui svenimenti. Certo, non volevo ammalarmi, volevo arrivare a risolvere i problemi della gente che incontravo. Che cosa dovevo fare? Meditavo e pregavo. Dopo molti giorni la risposta mi apparve chiara. Dovevo arrivare bene al profondo di poche persone per poi insieme rispondere ai bisogni delle persone con gli strumenti più attuali. Decisi d'iscrivermi alla facoltà di psicologia e psicoanalisi. Il Signore non vuole sacrifici, ma che ognuno di noi sia un ramo vivo, in spirito e verità. Già da molto tempo notavo che le persone non erano poi così cattive ma che, pur credendo, erano sempre piene di problemi, nonostante la buona volontà e l'intelligenza, non si liberavano dai problemi personali e relazionali. Costatavo che tutto questo dipendeva dalla loro storia. M'interessava molto approfondire cosa succedeva sulle energie del profondo quando una persona era amata o non amata. Subito, però, trovai l'impostazione della psicologia molto lontana dalla vita e da Dio. Mi rendevo conto che la vita veramente non si inganna. Spesso anche la cultura psicologica inganna la vita, anche gli psicologi e gli psicoanalisti vanno aiutati. Mi trovavo spesso innanzi a sacerdoti che non entravano nella vita e a psicoanalisti che non entravano nella Fede. Intanto milioni e milioni di persone soffrivano e non uscivano dai loro inganni personali, relazionali e culturali. Oggi la situazione non è diversa. Per risolvere tutto questo, oltre 20 anni fa, ho fondato Italia Solidale e oggi, insieme a 20.000 genitori a distanza, stiamo sostenendo lo sviluppo di vita di oltre 2 milioni di persone nel mondo. Unisciti a noi, potrai incontrare i volontari e insieme impegnarti per sviluppare anche la tua vita, dall’inconscio alla missione. Magari partendo da un’adozione a distanza: salva un bambino, l’amore ti salverà!

 


SALVA UN BAMBINO L’AMORE TI SALVERÀ
Fare un’adozione a distanza con Italia Solidale salva la vita di un bambino e aiuta tutta la sua famiglia. Ma aiuti anche la tua persona perché stare dalla parte dei bambini dona gioia e salute. Con 25 euro al mese fai una delle cose più importanti per la sua e la tua vita. Tel. 06.68.77.999 - www.italiasolidale.org


Condividi su: